FANDOM


Baraggan Luisenbarn (バラガン・ルイゼンバーン Baragan Ruizenbān) è un Arrancar al servizio di Sōsuke Aizen e in particolare il Secondo Espada. L'aspetto della morte che rappresenta è l'invecchiamento.

Aspetto e personalità Modifica

Baraggan è il più anziano dei dieci Espada al servizio di Aizen: porta due grandi baffi bianchi e la sua pelle scura e rugosa è solcata da due grandi cicatrici; la prima, sul lato destro del volto, va dalla fronte fino alla guancia (tanto che l'occhio destro è con ogni probabilità cieco), la seconda, sul lato sinistro, va dal mento fino al torace. La parte restante della sua maschera da Hollow ha la forma di una corona provvista di cinque spunzoni, mentre il suo foro da Hollow è situato al centro del petto. Indossa un lungo cappotto bianco con pelliccia nera, fermato alla vita da una grande cintura costituita da tre catene collegate ad un grosso disco di metallo su cui è raffigurato l'emblema del sole.

Baraggan è estremamente arrogante e non si fa scrupoli a imporsi sugli altri e a dettare ordini a chiunque, persino ai suoi compagni. Carismatico e deciso, analizza con calma e rapidità qualunque situazione gli si presenti davanti, facendo sfoggio di grandi capacità strategiche.

Rimane ignota la posizione del tatuaggio rappresentante il suo rango negli Espada.

Storia Modifica

Passato Modifica

Baraggan era il re assoluto dell'Hueco Mundo e sedeva su un trono all'aperto in una Las Noches ancora priva di soffitto. Un giorno la noia che pervadeva le sue giornate (tanto da essere tentato di dividere in due parti il suo esercito e di farle combattere l'una contro l'altra fino alla morte) fu spezzata dall'arrivo di Aizen, Gin Ichimaru e Kaname Tōsen. Questi gli proposero di sottomettersi a loro, raggiungendo in tal modo un potere ancora maggiore: Baraggan si mise a ridere e schernì i nuovi arrivati definendoli dei miseri insetti. Aizen, però, riuscì a ingannare gli occhi del re con la sua Kyoka Suigetsu, mostrandogli la morte in massa di tutti i suoi servi e costringendolo così a sottomettersi a lui. Il vecchio re giurò tuttavia a se stesso che Aizen sarebbe morto per mano sua. In un ultimo irato appello ai suoi carnefici Hachigen Ushōda e Soifon prima di morire, Baraggan ripenserà a questi fatti e ribadirà a gran voce che il re, l'imperatore, il dio dell'Hueco Mundo è lui e lui soltanto, e che si sarebbe vendicato e ripreso il trono che gli spettava di diritto.

Saga dell'Hueco Mundo Modifica

Baraggan appare per la prima volta all'assemblea degli Espada convocata da Aizen a seguito dell'arrivo nell'Hueco Mundo di Ichigo e dei suoi amici. Siede tra Yammy Rialgo e Szayel Aporro Grantz e si lamenta riguardo agli intrusi insieme ad Aaroniero Arruruerie, lo stesso Aporro e Nnoitra Jirga. In seguito commenta con evidente disappunto la morte di Aaroniero, sconfitto da Rukia Kuchiki, dicendo: "Quel moccioso! Crepare in un modo così inutile...".

Saga della falsa Karakura Modifica

In seguito, su ordine di Aizen, Baraggan giunge nella falsa Karakura insieme agli altri Espada Coyote Stark e Tia Harribel e alle loro rispettive Fracción.

Dopo che Aizen, Ichimaru e Tousen vengono bloccati dallo Shikai del comandante Shigekuni Yamamoto Genryūsai, Baraggan prende il controllo della situazione e si siede sul trono, fatto apposta per lui, trasportato dalle sue fedeli Fracción. Si atteggia quindi a capo assoluto, come se gli spettasse di diritto, tanto che intima ai suoi compagni Harribel e Stark di non lamentarsi della cosa. Mostra subito di essere a conoscenza dei quattro pilastri coi quali la falsa Karakura viene mantenuta in loco, mentre quella vera è al sicuro nel Rukongai, tanto che manda sul posto quattro delle sue Fracción per combattere e uccidere i loro difensori Shinigami (Ikkaku Madarame, Yumichika Ayasegawa, Izuru Kira e Shuhei Hisagi). Una volta che i guerrieri inviati a combattere gli shinigami vengono sconfitti, le restanti Fracción di Baraggan si apprestano a placare la sua ira ingaggiando battaglia con il capitano Soifon e il suo vice Marechiyo Omaeda, ma ne escono anch'esse clamorosamente sconfitte.

Baraggan si vede quindi costretto ad alzarsi dal suo trono e a sfidare i due avversari. Una volta in piedi, con un gesto della mano tramuta il trono di ossa nella sua possente Zanpakutō, e alla provocazione di Omaeda, il quale è convinto che il capitano Soifon possa ancora liberare la sua vera energia, intima ai suoi avversari di mostrargli questo loro potere.

Deluso dal fatto che i suoi nemici stanno già combattendo a piena potenza, spiega loro il ruolo degli Espada e cosa essi rappresentino, cioè i modi di essere e di agire che portano gli uomini alla morte. Rivela quindi di essere l'Espada che rappresenta l'invecchiamento e dunque l'inesorabile avanzare del tempo che porta ogni cosa al suo termine. Infine, dopo aver mostrato ai danni di Soifon il tremendo potere di invecchiare le cose semplicemente toccandole, rilascia la sua Zanpakutō e mostra il suo vero aspetto.

Fa subito dimostrazione dei suoi spaventosi poteri rilasciando il "Respiro della Morte", il quale raggiunge un braccio di Soifon e lo decompone rapidamente. Di fronte alla fuga dei suoi avversari commenta: "Che ironia, un "dio della morte" che teme la morte". Mentre Soifon si allontana per attivare il suo Bankai, Baraggan parte all'inseguimento di Omaeda, che si dà alla fuga di fronte al temibile avversario. Baraggan attacca nuovamente con il "respiro della morte", stavolta emesso dalla bocca, e, nonostante lui stesso affermi di averlo rilasciato volutamente "lentamente", per poco questo non raggiunge Omaeda. Deciso a farla finita una volta per tutte, Baraggan si appresta ad ucciderlo con una nuova arma, ma viene interrotto dall'arrivo di Soifon, che lo travolge col suo potente Bankai. Nonostante venga colpito in pieno, sembra che l'attacco non abbia avuto il minimo effetto su di lui.

Una volta che i Vizard giungono sul posto in soccorso degli shinigami, Baraggan ingaggia battaglia con Hachigen Ushōda, che lo intrappola con un Kidō. L'Espada si libera facilmente da quest'ultimo, dichiarando che anche i Kidō subiscono gli effetti del tempo.

Hachigen elabora subito una nuova strategia e intrappola l'Espada in una possente barriera, sfruttando un potentissimo incantesimo. Chiede quindi a Soifon di usare nuovamente il suo Bankai e la convince a farlo promettendole di sigillare Kisuke Urahara all'interno di una barriera per un intero mese.

Hachigen ha infatti capito che Baraggan si è salvato dal precedente attacco di Soifon usando il suo potere dell'invecchiamento per far esplodere il missile lontano da sé. Adesso che è chiuso in uno spazio ristretto non potrà però annullarlo nuovamente, data la velocità dell'attacco. Il capitano lancia quindi il suo colpo e, nonostante venga gravemente ferito (metà del volto è stata spazzata via), Baraggan ne esce vivo.

A questo punto tutto sembra perduto, perché Soifon non è più in grado di utilizzare il proprio Bankai e sia lei che Hachigen vengono attaccati dal "Respiro della morte" dell'Espada, il quale raggiunge e comincia a fare decomporre il braccio destro del Vizard. Quest'ultimo però, con un'abile contromossa, rinchiude il proprio braccio in una barriera trasferendolo subito dopo all'interno del corpo dell'Espada, il quale, non potendosi difendere in alcun modo, viene consumato e ucciso dal suo stesso potere. Prima di morire, in un ultimo disperato attacco, tenta di colpire Aizen, il suo nemico giurato, ovvero colui che gli aveva sottratto il trono, scagliando la sua Gran Caìda, ma ormai è troppo tardi e sia lui che la sua arma si polverizzano per sempre.

FracciónModifica

La Fracción di Baraggan conta ben sei unità: Choe Neng Poww, Abirama Redder, Findorr Calius, Charlotte Chuhlhourne, Ggio Vega e Nirgge Parduoc.

Zanpakutō Modifica

La Zanpakutō di Baraggan si chiama Arrogante (アロ ガ ンテ arogante, in spagnolo propriamente "arrogante"; connotazione giapponese "Grande Imperatore Scheletro") e viene rilasciata al comando "marcisci/decomponiti" (朽ちろ, kuchiro).

Si presenta come un'enorme ascia bipenne dalla lunga impugnatura provvista di un oggetto simile ad un occhio tra una lama e l'altra. Una volta effettuato il rilascio, Baraggan assume l'aspetto di uno scheletro con indosso un grande mantello con pelliccia e sul capo una vera e propria corona dai connotati regali. L'oggetto simile ad un occhio presente nella Zanpakutō si colloca sul petto di Baraggan sotto forma di medaglione.

In questo stato, Baraggan è in grado di dissolvere ogni cosa che si trovi nelle vicinanze (come ad esempio le tegole su cui cammina) e in più possiede una particolare abilità, la cosiddetta Respira (レスピラ, resupira, spagnolo per "respiro", connotazione giapponese per "Respiro della Morte"), un'emanazione gassosa che invecchia e disintegra tutto ciò con cui entra in contatto. L'attacco si propaga velocemente nell'aria e raggiunge rapidamente anche avversari veloci come Soifon. Questa tecnica può anche essere rilasciata dalla bocca, e la sua velocità può essere dosata.

Nello stato di Resurrección Baraggan può fare uso di un'arma, la cosiddetta Gran Caìda (グラン・カイダ guran kaida, spagnolo per "Grande Caduta", connotazione giapponese "Ascia del Caduto"), un'ascia bipenne tenuta nascosta nel suo mantello e molto simile alla forma non rilasciata della Zanpakutō. Come quest'ultima, anche la Gran Caìda viene impugnata con una mano sola. Il medaglione a forma di occhio al centro delle due lame lascia il posto a quattro lunghe catene direttamente collegate al mantello.

Origine del nome e del personaggioModifica

Proprio come per i nomi di altri personaggi, anche nel caso di Baraggan Tite Kubo si è probabilmente ispirato al nome di un architetto: Luis Barragán.

D'altro canto c'è chi ha accostato la figura di Baraggan a quella del re saraceno Baligant, di cui si parla nella celebre Chanson de Roland: entrambi sono re (le Fracciòn di Baraggan si riferiscono a lui chiamandolo "maestà", "altezza", "re" e lui stesso si definisce tale), entrambi hanno un portamento fiero e deciso e siedono su un trono, entrambi si riferiscono alle loro truppe chiamandole "draghi", ed entrambi perdono questi draghi in battaglia. In effetti il paragone calza molto bene. Comunque, la translitterazione definitiva del suo nome in Baraggan è fornita nella decima edizione giapponese del gioco di carte di Bleach (la carta di Baraggan, appunto), translitterazione poi adottata anche nell'edizione italiana del manga a partire dal volume 37.

L'immagine del personaggio nella suo stato Resurreción assomiglia molto a quella del Tristo Mietitore europeo (scheletro avvolto in un manto nero che brandisce una falce), che ha ispirato la nascita della credenza degli shinigami in Giappone.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale